sabato 28 luglio 2018

Invecchiare e rinascere nello stesso momento

Formula 3 @ Spa Francorchamps

È il weekend della 24 Ore di Spa e c'è la Formula 3 Europea a fare da contorno, quella Formula 3 Europea che a fine anno si fonderà con la GP3, con tutte le probabili conseguenze negative del caso, chiusura dei livestreaming e fine della possibilità di rivedersi le gare più tardi su Youtube in primis.
Si corre di venerdì e di sabato, per poi lasciare spazio a quelli "che contano" quando è il momento più opportuno.

Daruvala parte dalla pole, in Gara 1, seguono Armstrong, Palou, Zhou, Aron, Shvartzman, Ahmed, Hengley, Vips e Aberdein a completare la top-10.
Palou va in testa, mentre c'è un contatto nelle retrovie. Daruvala è secondo, con Armstrong a seguire.
Entra la safety car per l'incidente nelle retrovie, il colpevole è Troitkii, quello che ha vinto l'ultima gara disputata finora, l'altra volta.
Si riparte, Daruvala torna davanti, mentre Armstrong esce di scena in tempi brevi.
Scene memorabili: Fenestraz si esibisce in un breve testacoda, Ticktum che riconosco dai colori Redbull e dal numero 27 (cultural appropriation!!11!!11!!! non è un francese di origini siciliane con gli occhi azzurri, come si permette di portarlohhhh???!!!!???!!!) va per prati...
C'è anche un duello per il quinto posto, più avanti, tra Aberdein e Schumacher: Aberdein è irreperibile.
Sophie arriva intorno alla 13^ posizione, prima di sprofondare indietro di qualche posizione per una penalità. Anche Ticktum, penalizzato dopo un arrivo al photofinish dietro ad Aron, è precipitato indietro. Davanti, nel frattempo, vince Daruvala, nella sua vettura rosa color Force India, dopo avere staccato Palou.

Poi c'è Gara 2, con Schumacher che parte dalla pole davanti ad Aron, Zhou, Armstrong, Ahmed, Vips, Scherer, Shvarzman, Habsburg, Ticktum...
Si parte e subito Mick tiene alte le tradizioni di famiglia, cercando di tagliare la strada a chi ha di fianco, il problema è che oltre a non riuscirci, probabilmente pensa anche di essere figlio di Mark Webber.
Aron passa agevolmente in testa, mentre dietro è duello tra compagni di squadra: Zhou vs Schumacher per il secondo posto.
Fuori uno.
Fuori anche l'altro.
Aron, Vips e Shvarzman sono in top-3, ma qualcosa va storto: fuori Aron, fuori anche Vips.
Adesso è Scherer che detiene la testa della gara, ma la sua leadership è destinata ad essere messa in discussione per mano di Ticktum e del suo numero 27.
E poi niente, va a finire che Ticktum vince, con Scherer e Daruvala a completare il podio. Shvartzman deve accontentarsi del quarto posto.

Poi arriva Gara 3, sabato mattina, in condizioni meteo variabili. La vedo sabato pomeriggio, dopo le altre due. Ormai ci ho fatto l'abitudine, nel frattempo sto guardando gente che scrive cose strane sulla mia bacheca Twitter. O meglio, quella che scrive cose strane di solito la evito, ma alcuni dei miei followed non li evitano, quindi mi tocca sorbirmi i loro retweet. Leggo del cu*o di questo e del cu*o di quell'altro e ovviamente nessuno si fila neanche di striscio la Formula 3, come da prassi.
Zhou parte dalla pole position in cerca di riscatto, seguono Amrstrong, Shvartzman, Daruvala, Aberdein, Schumacher, Ticktum, Ahmed, Aron e Scherer nei primi dieci.
Armstrong prende la testa della gara, mentre Zhou si ritrova a duellare con Schumacher e, come già riscontrato ieri, non è una cosa che promette bene.
I due si toccano, stavolta salvano il salvabile, Schumacher si accoda ad Armstrong e Shvartzman, mentre Zhou perde molte posizioni ma non la possibilità di rimanere in pista.
C'è qualche testacoda random, poi ci sono i primi tre che staccano tutti, con Armstrong in testa, almeno fino al momento del plot-twist...
...
...
...il plot-twist è un duello a tre e il suo esito è che quello che è successo mi farà quello che non mi ha fatto il primo capello bianco. È inutile, per noi appassionati di motori le cose, ogni tanto, funzionano un po' diversamente.
Armstrong ha perso la prima posizione.
Shvartzman ha mantenuto la seconda.
All'improvviso ho paura, quella paura che tutto possa crollare da un momento all'altro.
Non crolla niente.
Il figlio del pilota che ottenne la sua prima vittoria in Formula 1 in condizioni meteo variabili a Spa due giorni prima che iniziassi la scuola materna ottiene in condizioni meteo variabili a Spa la sua prima vittoria in Formula 3.
È così che si invecchia, ma allo stesso tempo credo che nel vedere vincere il figlio di qualcuno che hai visto vincere per tanti anni ti faccia rinascere nello stesso momento.

RISULTATO GARA 1: 1. Jehan Daruvala, 2. Alex Palou, 3. Ralf Aron, 4. Mick Schumacher, 5. Robert Shvartzman, 6. Juri Vips, 7. Marino Sato, 8. Artem Petrov, 9. Fabio Scherer, 10. Keyvan Andres Soori, 11. Sacha Fenestraz, 12. Ameya Vaidyanathan, 13. Danel Ticktum, 14. Sebastian Fernandez, 15. Petru Floresci, 16. Sophia Florsch, 17. Julian Hanses, 18. Ben Hingeley, 19. Enaam Ahmed, Rit. Jonathan Aberdein, Rit. Guanyu Zhou, Rit. Ferdinand Habsburg, Rit. Marcus Armstrong, Rit. Nikita Troitckii.

RISULTATO GARA 2: 1. Daniel Ticktum, 2. Fabio Scherer, 3. Jehan Daruvala, 4. Robert Shvartzman, 5. Enaam Ahmed, 6. Marcus Armstrong, 7. Sacha Fenestraz, 8. Nikita Troitckii, 9. Jonathan Aberdein, 10. Ferdinand Habsburg, 11. Alex Palou, 12. Keyvan Andres Soori, 13. Sebastian Fernandez, 14. Ben Hingeley, 15. Marino Sato, 16. Ameya Vaidyanathan, 17. Sophie Florsch, 18. Julian Hanses, Rit. Petru Florescu, Rit. Artem Petrov, Rit. Guanyu Zhou, Rit. Juri Vips, Rit. Ralf Aron, Rit. Mick Schumacher.

RISULTATO GARA 3: 1. Mick Schumacher, 2. Robert Shvartzman, 3. Marcus Armstrong, 4. Juri Vips, 5. Daniel Ticktum, 6. Enaam Ahmed, 7. Jonathan Aberdein, 8. Sebastian Fernandez, 9. Alex Palou, 10. Fabio Scherer, 11. Jehan Daruvala, 12. Ferdinand Habsburg, 13. Guanyu Zhou, 14. Ralf Aron, 15. Sacha Fenestraz, 16. Marino Sato, 17. Ben Hingeley, 18. Artem Petrov, 19. Petru Florescu, 20. Keyvan Andres Soori, 21. Sophia Florsch, 22. Ameya Vaidyanathan, 23. Julian Hanses, 24. Nikita Troitckii.

Nessun commento:

Posta un commento