Pagine

martedì 7 agosto 2018

Stock Car @ Goiânia & polemiche #TeamBarrichello vs #TeamMassa @ social network

Potenzialmente avrei potuto appassionarmi di qualsiasi cosa. Non so, magari di bird watching, così avrei trascorso il mio tempo libero a osservare graziosi pennuti in volo. Oppure di qualcos'altro, che fosse al di sopra delle polemiche sterili e inutili... e invece no, con l'aggravante che mi piace andare in giro per la rete a stanare gente strampalata e che, al confronto di quanto ho letto in questo weekend, inizio a pensare seriamente che stare a discutere su chi ce l'abbia più lungo tra i Vettelton sia un comportamento culturalmente elevato. Non per altro, ma si mettono a confronto quantomeno due piloti che sono in diretta competizione, non gente che non ha nulla a che vedere l'uno con l'altro... perché sì, c'è anche chi fa quello e, con estrema sorpresa, andando a cercare notizie sulla Corrida do Milhao della Stock Car Brasil, e vi assicuro che trovare informazioni puntuali sulla Stock Car Brasil non è esattamente la più facile delle opere, ho scoperto che, apparentemente, esistono due categorie di individui tra i quali ci sono feroci polemiche.
Queste due categorie di individui sono i tifosi brasiliani di Rubens Barrichello e i tifosi brasiliani di Felipe Massa, perché...
...
...
...
...seriamente, che importanza ha che ci sia un perché? Dopotutto se uno gareggia regolarmente in Stock Car Brasil da anni e uno ha fatto due comparse in totale, probabilmente vengono visti come accaniti avversari. Poi Barrichello partiva dalla seconda posizione, mentre Massa si era classificato ventottesimo, ma nevermind, cosa sono tredici file di differenza e la probabilità molto elevata di non incontrarsi mai in pista?

Ho provato a fare qualche indagine in materia, perché non mi tornava il fatto che, se Barrichello e Massa si incontrano con le loro famiglie nella loro vita privata, nonostante uno risieda negli Stati Uniti e l'altro a Montecarlo, i tifosi dell'uno insultino l'altro e le due tifoserie si insultino a vicenda, ma non è molto chiaro quando sia nata questa presunta rivalità, specie considerando che stiamo parlando di due piloti che, per quanto abbiano gareggiato in Formula 1 insieme per una parte delle loro carriere, non si sono mai trovati in diretta competizione l'uno con l'altro: quando Barrichello vinceva delle gare, Massa o non c'era o stava alla Sauber, quando Massa vinceva delle gare Barrichello era alla Honda che faceva acqua da tutte le parti, quando Barrichello ha ripreso a vincere delle gare Massa era a casa...
L'unica cosa che sembra accomunare i due è che entrambi sono stati piloti Ferrari, uno dopo l'altro, e che sono entrambi brasiliani. Tuttavia a quanto mi risulta Barrichello ha scelto volontariamente di lasciare la Ferrari per la Honda, a suo tempo, né pare avere mai detto alcunché contro il suo sostituto.
Adesso, ai tempi della stock car, pare che tutto ciò sia diventato improvvisamente rilevante, con i fanboy della Stock Car Brasil chiamati a decidere da che parte schierarsi. Le proporzioni non sono assolutamente eque, dato che Barrichello corre nel campionato da anni, che ha vinto un titolo e continua a vincere delle gare, ma basta un tifoso di Massa in mezzo a dieci tifosi di Barrichello per innescare la polemica. Anzi, non serve nemmeno quello, dato che comunque i fanboy di uno hanno l'abitudine di insultare l'altro così, totalmente a caso.

L'apice, però, credo di averlo raggiunto quando ho scoperto dell'esistenza di una sorta di ship-war.
Per chi non avesse chiaro di che cosa sto parlando, le ship-war sono legate al contesto delle fan fiction o dei viaggi mentali, generalmente a proposito di opere di fantasia, ma talvolta anche a proposito di personaggi che esistono nella realtà.
Per intenderci, una ship war è quella che contrappone i sostenitori della coppia ragazza svampita + vampiro di Twilight ai sostenitori della coppia ragazza svampita + licantropo di Twilight.
Applicata al motorsport, una ship-war potrebbe essere il dibattito su quale "coppia" sia più dolce e kawaii tra Hamilton/Vettel e Hamilton/Rosberg. Poi le fungirl decreterebbero che tutte le coppie sono dolci e kawaii e quello che conta è l'ammmmore, mentre per i fanboy delle Stock Car Brasil non funziona così.
Se vi siete persi, non preoccupatevi, vi spiego perché c'è una ship-war: perché una delle ragioni per cui i fanboy di Barrichello ce l'hanno con Massa è che, tra Barrichello e Massa, era Massa il best friend forever di Schumacher.
Non chiedetemi che rilevanza abbia tutto ciò, dato che non mi pare che Barrichello si aggirasse per il paddock con il cuore spezzato nel vedere gli Schumassa l'uno accanto all'altro, ma una delle ragioni dell'attuale immaginaria rivalità sarebbe questa...
...
...
...
...e c'è di più, perché secondo i fan di Barrichello, gli eventi avvenuti in epoca successiva avrebbero fatto giustizia, punendo Massa per essere stato preferito a Barrichello, dove per "eventi avvenuti in epoca successiva", mi riferisco a quell'unica volta in cui, in pista, Barrichello e Massa si sono ritrovati sulla stessa traiettoria l'uno dell'altro (non esattamente Barrichello, ma ci siamo capiti, abbiamo capito a che livello delirante siamo arrivati), e sempre per quello stesso fatto i fanboy di Massa vedrebbero Barrichello come un orribilehhhh kriminalehhhh.

Mi concedete di rimanere sconcertata di fronte a tutto ciò? Vi assicuro che dopo anni e anni di web ne ho lette di tutti i colori, ma non pensavo che la Corrida do Milhao potesse riservare anche sorprese di questo genere. Ad ogni modo direi che possiamo mettere da parte per un attimo le sorprese e preoccuparci anche di quello che è successo in pista, perché il modo migliore per rispondere all'ignoranza motoristica è permettere alla gente di farsi una cultura. Con questo non voglio dire che il mio blog sia un sito web dal livello culturale particolarmente elevato, ma credo che parlare di Stock Car Brasil, serie di cui in Italia si parla poco e niente (e di cui in pochi conoscerebbero l'esistenza se non ci corressero Barrichello full-time e Massa di tanto in tanto) possa contribuire alla conoscenza motoristica più che stare a parlare di tifosi di Barrichello e tifosi di Massa che prendono parte a inutili dibattiti, di cui, personalmente, proprio da tifosa di lunga data di Massa trovo del tutto inutile: non vedo NESSUNA ragione logica per cui dovrei mettermi a insultare o a criticare gratuitamente in modo pesante un pilota che nella vita di tutti giorni è un amico del mio pilota preferito, con il quale non c'è mai stata una rivalità diretta e con il quale non ci sono mai state polemiche. Un argomento di dibattito è chi sia stato migliore tra i due in Formula 1, ma per quanto mi riguarda 1) non mi sembra una cosa per cui valga la pena di insultarsi, né tra i due deve esserci per forza un mancato pluricampione del mondo e un mancato Yuji Ide, 2) a maggior ragione i risultati che hanno ottenuto durante le loro carriere in Formula 1 rendono abbastanza difficile arrivare a un parere universale.
Ad ogni modo, come ho già anticipato, Massa si è qualificato in 28esima posizione, nonostante fosse a meno di tre decimi e mezzo dalla pole position, in una griglia di partenza con trentatré vetture tutte su tempi molto vicini.
Questa era la top-ten:

1^ fila: Serra - Barrichello
2^ fila: Da Costa - Wilson
3^ fila: Di Grassi - Bueno
4^ fila: Fraga - Foresti
5^ fila: Baptista - Abreu

Antonio Felice Sulla Costa, semplicemente Costa secondo la grafica, si è portato in seconda posizione, in una prima fase di gara in cui tutto sommato c'è abbastanza tranquillità, se escludiamo un po' di incidenti di lieve livello e un paio di safety car.
Ho visto una vettura sbattere al quarto giro e il pilota era Osman, ho visto una vettura viola sbattere più tardi ed era Campos... i telecronisti, intanto, rendevano tutto mooooolto più semplice accennando ai piloti con il loro first name preceduto dall'immancabile articolo. Cose del tipo "o Lucas", "o Felipe", "o Lucas", "o Felipe"... e mi sono ripetuta volontariamente, perché chiamare con il loro first name piloti che hanno vari omonimi è un must, nelle telecronache brasiliane.

Dopo il giro di pitstop il telecronista ha affermato che Lucas Di Grassi era in testa, pronunciandone anche il cognome. Peccato che fosse in realtà Lucas Foresti.
A quel punto c'erano Da Costa, Wilson, Barrichello e Suzuki a completare la top5 ma plot-twist, Di Grassi quello autentico si è portato in quinta posizione. Avrebbe proseguito fino al momento del suo ritiro per problemi tecnici, a quanto ho capito.

Si è vista una vettura in giro per prati, poi al 22° giro big mess!
Secondo il telecronista "o Felipe" si era reso protagonista di un incidente... e ha continuato così per un bel po', menzionando questo oscuro pilota che rispondeva al nome di "o Felipe".
La dinamica ha mostrato chiaramente che Thiago Camilo aveva ballato la samba, venendo evitato da tutti tranne Cacà Bueno. Di tre Felipe presenti in pista, nessuno c'entrava nulla.

Al restart c'è stato un duello Da Costa vs Foresti vs Wilson, con vetture che rientravano ai box a cinque minuti dalla fine.
La penultima emozione è stata vedere Massa che procedeva con una gomma forata, dopo un contatto con una vettura finita in testacoda, menzionata semplicemente come una vettura finita in testacoda, chi se ne frega poi di chi la stesse guidando.
In quel momento era in decima posizione, quindi ben lontano da Barrichello che era in lotta per i primissimi posti...
...
...
...
...and BARRY IS THE WINNAHHHHH! <3 Alla fine il nostro Rubinho ha vinto con Max Wilson e Antonio Felix Da Costa a completare il podio.
Felipe Fraga e Marco Gomes sono arrivati in top-5, con Ricardo Zonta, Allam Khodair, Daniel Serra, Guga Lima (mi chiedo cos'abbia fatto di male questo tizio nella sua vita precedente per meritarsi di essere chiamato Guga, ma nevermind) e Bia Figuerido; quest'ultima ha ottenuto la sua prima top-ten stagionale.

Nessun commento:

Posta un commento