domenica 29 aprile 2018

Commento all’eprix di Parigi: 28 Aprile 2018

Sottotitolo: Spa Francorchamps 1998 2.0

28 Aprile 2018 - è il giorno della sovrapposizione, ma dato che l'eprix è quello di Parigi e non quello di Le Mans, l'impressione è che a nessuno importi un fico secco e che non ci sia la benché minima preoccupazione per tutto ciò.
Con le qualifiche della Formula 1 alle 15.00 e la gara di Formula E alle 16.00, ho iniziato ad avvertire il serio pericolo che i due eventi potessero arrivare, anche se per questione di minuti, a sovrapporsi l'uno con l'altro. #Orrorehhhhh.
Ho deciso di fare quanto in mio potere per sopravvivere alla SoVrApPoSiZiOn3, sapendo che stavolta non c'era la benché minima possibilità che Nakajima potesse fondere il motore a pochi minuti dal traguardo, per il semplice fatto che, diversamente dalla sovrapposizione tra Baku e Le Mans del 2016, Nakajima non sarebbe stato al volante da nessuna parte!
Unica variante degna di nota era l'assenza di Luca Filippi, sostituito in questa occasione da Ma Qing Hua, colui di cui non ho ancora capito dove inizi il nome e dove il cognome, da me soprannominato a suo tempo My King Juan, perché... mhm... onestamente non ne ho la più pallida idea, perché sarebbe un po' come paragonare Gutierrez a Raikkonen.

1^ fila: Vergne - Bird
2^ fila: Lotterer - Engel
3^ fila: Da Costa - Di Grassi
4^ fila: D'Ambrosio - Buemi
5^ fila: Turvey - Lopez
6^ fila: Rosenqvist - Heidfeld
7^ fila: Prost - Evans
8^ fila: Abt - Lynn
9^ fila: Blomqvist - Mortara
10^ fila: Ma - Piquet

Variazioni: Mortara è stato retrocesso di tre posizioni per eccesso di velocità con bandiera rossa in una sessione di prove libere(?), mentre Evans è stato retrocesso di dieci per sostituzione del cambio. I due, di fatto, sono partiti 19° e 20°.

Sono riuscita a vedere la partenza? Naturalmente no! Stavo finendo di vedere le qualifiche, o meglio, stavo cercando un altro streaming perché quello che stavo seguendo prima era saltato.
Voci di corridoio (la telecronaca) mi hanno riferito che c'era stato un contatto al via.
Blomqvist ha sfasciato mezza macchina andando a tamponare Prost (Blomqvist ai box, Prost avrebbe proseguito fino al 14° giro, per poi rientrare con bandiera nera con cerchio arancione - sapete cos'è, non ve lo sto a spiegare), mentre My King Juan era fermo perché...
...
...
...va beh, non preoccupiamoci del perché. Ad ogni modo la gara era in full course yellow per i problemi occorsi al via e, dopo un giro, è ripresa con Jev ancora in testa davanti al Volatile, a Lotterer e a Engel. In quinta e sesta posizione sono risaliti Di Grassi e Buemi, mentre Antonio Felice sulla Costa è rimasto a piedi poco dopo.
Ho sperato che accadesse qualcosa di pittoresco con il fanboost, ma la prassi dei fan della Formula E è quella di votare piloti mainstream, poco importa che i piloti mainstream quest'anno siano altri.
È un po' come se nel 2008 avessero vinto costantemente il fanboost Raikkonen, Massa e Hamilton e che nel 2009, in piena supremazia della Brawn GP, avessero continuato a vincere il fanboost Raikkonen, Massa e Hamilton.

Jev, Bird e Lotterer erano tutti vicinissimi e sono rimasti vicinissimi fino al momento della sosta (al 24° giro su un totale di 49), con il Volatile che ad un certo punto ha anche tentato l'attacco sul leader della gara, ma Jev rulez!!!11!!11!!!1!! perché è un figonehhhh francesehhhh amato dalle fungirl di Tumblr. Però Bird è biondo, con gli occhi azzurri, alto un metro e un tappo (quindi un "tiny precious" per i Tumblr standards) e ha posato nudo con un casco davanti alle parti intime, quindi un po' di credito dovrebbe averlo anche lui.
Io in quello scontro ero #TeamLotterer, perché Lotterer ha guidato la Caterham e la Caterham rimane pur sempre una squadra di un certo livello.
Ai box non è cambiato nulla tra i primi tre, se non che si sono allontanati un po' l'uno dall'altro.
In quel momento, comunque, gli occhi erano tutti per il duello Di Grassi vs Buemi: i due erano vicinissimi ed erano in testa alla gara, perché si sono fermati un giro più tardi degli altri.
Per Di Grassi è andato tutto bene: uscito dai box, è rientrato in pista davanti a Engel.
Per Buemi è andato tutto un po' meno bene: uscito dai box, si è ritrovato con il cavetto della radio scollegato, impossibilitato a imprecare in francese in mondovisione, con Abt negli scarichi.
Ormai non aveva più Di Grassi a portata di baguette, che andava all'inseguimento di Lotterer che a sua volta inseguiva Bird. Jev era davanti a tutti e nessuno sembrava impensierirlo, per il momento.
Nessuno, nel frattempo, era impensierito dal ritiro di Piquet per problemi tecnici ai box. Anche Blomqvist era ritirato, mentre My King Hua no e, da buon asiatico, era in ultima posizione.

Poi è arrivato il 35° giro ed è arrivato Lotterer che si è infilato tra Bird e un muro, ha superato Bird, nel frattempo ha fatto un saltello su un cordolo ed è arrivato al bloccaggio delle ruote.
Il suo posteriore ha sbattuto contro l'anteriore del Volatile e a quel punto anche Di Grassi ha superato Bird, che ha iniziato a perdere terreno!
Il contatto Lotterer vs Bird è stato messo sotto indagine, mentre dietro c'è stato un doppio contatto tra Lopez e Mortara, che ha mandato quest'ultimo contro le barriere!
Intanto, nel momento stesso in cui i telecronisti osservavano che non veniva inquadrato Abt, è stato inquadrato Abt, che ha superato Buemi e si è lanciato all'inseguimento di Engel.
Il duello Engel vs Abt avrebbe potuto essere preso in considerazione, se non fosse successo qualcosa di molto più pittoresco nel frattempo...
...
...
...
...perché nel frattempo c’era uno dei championship contenders 2016/2017 che sbraitava alla radio e non era Buemi. Purtroppo non stava sbraitando in francese, perché sarebbe stato pittoresco se l’avesse fatto anche lui, ma in quel momento che urlava era Di Grassi. Nello specifico se la prendeva con Lotterer, colpevole di... mhm... essersi difeso da un tentativo di sorpasso, direi. Ora, vorrei chiarire che Lotterer ha avuto nel corso della gara uno stile di guida in stile mix tra Sato e Montoya, ma i parametri di giudizio variano a seconda dello spazio temporale in cui si muove chi giudica. Se andate a chiedere a chi segue la Indycar, scoprirete che non considerano affatto troppo sguaiato lo stile di guida di Montoya. Mi sono fermata a Montoya, perché Sato ogni tanto riesce a combinarne di tutti i colori anche in base agli standard Indycar.
In conclusione, immagino che Bird e Di Grassi non si siano divertiti nel vedere Lotterer al volante, questo pomeriggio, mentre io l’ho trovato abbastanza entusiasmante per i miei standard, penso che solo vedere uno dei vecchi duelli del passato mi avrebbe entusiasmata, dove per “vecchi duelli del passato” intendo nello specifico quelli tra Kobayashi e Bianchi ai tempi della Caterham e della Marussia.

Poi la gara è finita nel caos e la regia si è persa il caos. Jev ha tagliato il traguardo in prima posizione, poi è arrivato Di Grassi.
Su dove fosse Lotterer, non c’era una risposta ben precisa, dato che a terminare la gara in terza posizione è stato Bird. Anzi, nello specifico è stato Bird su tre ruote: la quarta era penzolante. Anche quello che era successo al Volatile non era ben chiaro in quel momento, ma ho iniziato a sospettare fin da subito che avesse qualcosa a che vedere con Lotterer.
Il replay, più tardi, dopo la pubblicità, ha svelato un po’ di cose, per esempio che Lotterer aveva finito la carica alla batteria a due metri dal traguardo, il che di per sé non avrebbe provocato particolari disastri, tranne che per lui, se non avesse cercato di bloccare il Volatile.
Mentre durante le qualifiche del Gran Premio dell’Azerbaijan Gasly era riuscito a evitare Hartley e a non spiccare il volo, anche il Volatile non ha spiccato il volo (sarebbe stato epico se l’avesse fatto, visto il suo cognome), però sul posteriore di Lotterer si è schiantato: se a Baku era stato evitato un replay di Spa 1998, la stessa cosa non è accaduta all’eprix di Parigi.
Naturalmente nessun pilota coinvolto in duelli o incidenti con Lotterer l’ha presa bene. Lotterer è stato molto previdente, andando a rintanarsi nel suo box in caso Di Grassi e Bird avessero qualche parentela con gente tipo Tony Stewart.

Questa, in sintesi, è la gara in salsa trash:
Jev: “Z0N0 1 F1G0!!!11!!11!!!1 Non importa che dietro ci sia gente che fa a sportellate, non riusciranno a distogliere l’attenzione da me!”
My King Juan: “Potrei riuscirci io fermandomi a caso.”
Jev: “Dubito che qualcuno sia al corrente della tua esistenza, quindi puoi anche risparmiartelo.”
My King Juan: “Va bene, mi hai convinto, adesso riparto.”
Antonio Felice Sulla Costa: “Credo di essermi gufato da solo.”
Voce fuori campo: “KuLtUTaL ApPrOpRiAtYoN!!111!!!11! Sei brasiliano, tu, da potere gufare?”
Jev: “Levatevi di torno. Voi non siete figonihhhh francesihhhh amati dalle tumblrere. E nemmeno D’Ambriiii è francese, nonostante i suoi occhi azzurro shocking.”
Voce fuori campo: “D’Ambriiii esiste davvero o il suo nome viene scritto per abbellire la grafica, come quello di Marco Andretti durante le gare di Indycar e quello di Jenson Button negli ultimi anni?”
Lotteria: “Chi se ne frega di Sonniferetti, I’m da man!!!11!!1!!11!! Il mio intento, oggi, è quello di catturare il Volatile con un retino per farfalle.”
Il Volatile: “Taci e non distrarmi, che sto inseguendo Jev cercando di portargli via la baguette.”
Jev: “La tua baguette, invece, mi preoccupa parecchio. Meno male che c’è il momento dei pitstop e che potrebbe capitare un plot twist che mi aiuti a liberarmi di lui...
...
...
...
...e me ne sono liberato! *_______* L’ho abbandonato nel retino per farfalle di Lotteria e posso mettermi a sognare Sonniferetti.”
Lotteria: “Tunz tunz tunz!!11!!!1! Sono passato. E ora la macchina sta andando da sola. Il Volatile ne ha approfittato per venirmi addosso, perché la colpa è sempre di chi sta dietro, a meno che davanti non ci sia io.”
Il Volatile: “KuLtUrAl ApPrOpRiAtIoN!!11!!11!!11!! Sei giapponese, tu? Venezuelano? Non mi pare, allora smettila di guidare a questo modo.”
Lotteria: “Ormai queste cose sono sorpassate, anche gli olandesi fanno queste cose e, dato che non hanno una cultura, posso appropriarmene senza problemi.”
Il Volatile: “Le canne legali non sono cultura, secondo te?”
Lotteria: “No, perché siamo già rintronati abbastanza anche senza fumare.”
Di Gratis: “Intanto arrivo io e asfalto il Volatile. A proposito, Volatile, ti ho sbirciato dentro al casco e ce l’hai piccolissimo, quindi smetti di andare a raccontare a tutti che sei un superdotato...
...
...
...e tu, Lotteria, come ti permetti di opporre resistenza a un mio tentativo di sorpasso? Non te l’ha mai spiegato Ferniiii che you have to leave the space, all the time you have to leave the space?”
Lotteria: “Ferniiii non conosce l’identità di Who’s That Guy, pertanto per me non esiste. E poi quante 24 Ore di Le Mans ha vinto, finora?”
Di Gratis: “Chi è Who’s That Guy?”
Lotteria: “Ti confesso che non ne ho idea.”
Lopez: “Facciamo che adesso prendo a sportellate Mortara nel tentativo di attirare l’attenzione. Oggi non è difficile battere la concorrenza, c’è perfino Buemiiii che non può sbraitare in francese alla radio.”
Buemiiii: “F*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck, f*ck!”
Voce fuori campo: “Che cosa ti prende?”
Buemiiii: “Niente, mi sono appena ricordato che il mio nome è Sebastian.”
La vettura di Lotteria: “Oh, mancano due metri al traguardo, facciamo che mi fermo a caso.”
Lotteria: “Oh, la mia vettura si è fermata a caso, facciamo che mi metto in mezzo così il Volatile spicca il volo!”
Il Volatile: “Non ho spiccato il volo, però ho tagliato il traguardo su tre ruote!!!1!!!11!!! e adesso, non appena riusciamo a identificare il luogo in cui ti sei nascosto, io e Di Gratis veniamo a picchiarti!”
Lotteria: “Non vedi che ho già i capelli grigi? Come ti permetti di picchiare un anziano?”
Jev: “I’m da winnahhhhh!!11!!!11 Perché non mi prendete in considerazione dopo che ho vinto il mio eprix di casa?”
L’Autrice(C): “Premesso che ho visto vittorie del gran premio di casa molto più strappalacrime di questa, trovo tutto ciò molto incoraggiante. Tra tre settimane si va a correre a casa di Heidfeld!”...
...
...
...
...Anche a casa di Lotterer, in realtà, anche se non mi sono ancora ripresa dal trauma di avere scoperto, qualche tempo fa, che non è francese, cosa di cui ero convinta.
Lotterer è stato penalizzato per il caos di Parigi con dieci posizioni di retrocessione sulla griglia di partenza dell’eprix di Berlino.

RISULTATO: 1. Jean-Eric Vergne (Techeetah), 2. Lucas Di Grassi (Audisport Abt), 3. Sam Bird (DS Virgin), 4. Maro Engel (Venturi), 5. Sebastien Buemi (eDams Renault), 6. André Lotterer (Techeetah), 7. Daniel Abt (Audisport Abt), 8. Felix Rosenqvist (Mahindra), 9. Oliver Turvey (NIO), 10. José Lopez (Dragon), 11. Nick Heidfeld (Mahindra), 12. Jerome D'Ambrosio (Dragon), 13. Edoardo Mortara (Venturi), 14. Alex Lynn (DS Virgin), 15. Mitch Evans (Jaguar), 16. Nicolas Prost (eDams Renault), 17. Ma Qing Hua (NIO), Rit. Nelsinho Piquet (Jaguar), Rit. Tom Blomqvist (Andretti), Rit. Antonio Felix Da Costa (Andretti). GIRO PIÙ VELOCE: Lucas Di Grassi.

Nessun commento:

Posta un commento