domenica 20 maggio 2018

DTM @ Lausitzring

Yeeeeeaaaaaaahhhhhh, è tornato anche il DTM, questo weekend, senza Ekstrom, che a quanto pare nell'appuntamento di esordio della stagione ha disputato le sue ultime gare del DTM!
Tornando a quanto accaduto questo weekend, direi che è iniziato con il botto...
Ma andiamo con calma, sabato c'era Gara 1 al Lausitzring e la griglia di partenza era la seguente:

1^ fila: Auer - Eng
2^ fila: Spengler - Wherlein
3^ fila: Glock - Wittmann
4^ fila: Mortara - Di Resta
5^ fila: Muller - Rockenfeller
6^ fila: Eriksson - Frijns
7^ fila: Duval - Paffett
8^ fila: Rast - Farfus
9^ fila: Green - Juncadella

Nelle prime fasi Auer era in testa davanti a Spengler ed Eng.
Poi è entrata la safety car: c'è stato un botto notevole tra Green e Muller, con la vettura di Green piuttosto sfasciata, vari detriti sparsi per la pista e l'immediato intervento della safety car.
Poi, dopo un po', c'è stato il restart. Si è parlato un attimo di Frijns, penalizzato con uno stop and go per jump start, poi c'è stata un'intervista a Muller sull'incidente avvenuto al via...
...
...
...
...intanto in pista si stava scatenando il caos, c'era una vettura distrutta e della gran polvere che si alzava in una via di fuga.
La vettura distrutta era quella di Rast, appena uscito da un cappottamento dopo un contatto con Duval.
È seguita la bandiera rossa e, a quanto pare, quando c'è la bandiera rossa nel DTM il tempo continua a scorrere. Quindi i 55 minuti di gara sono diventati in parte di non-gara.

Per il resto è stato tutto tranquillo, con le posizioni che cambiavano più che altro in base al timing dei pitstop, senza ulteriori cappottamenti.
Ha vinto Mortara, che in questo weekend ovviamente non poteva sdoppiarsi ed era sostituito altrove da Dillmann per via della SoVrApPoSiZiOn3 con l'eprix di Berlino.

RISULTATO: 1. Edoardo Mortara (Mercedes), 2. Timo Glock (BMW), 3. Philipp Eng (BMW), 4. Lucas Auer (Mercedes), 5. Bruno Spengler (BMW), 6. Paul Di Resta (Mercedes), 7. Marco Wittmann (BMW), 8. Pascal Wehrlein (Mercedes), 9. Gary Paffett (Mercedes), 10. Augusto Farfus (BMW), 11. Mike Rockenfeller (Audi), 12. Joel Ericsson (BMW), 13. Robin Frijns (Audi), 14. Daniel Juncadella (Mercedes), Rit. Loic Duval (Audi), Rit. René Rast (Audi), Rit. Nico Muller (Audi), Rit. Jamie Green (Audi).

Solo diciassette vetture in pista, domenica: Rast è rimasto lievemente infortunato nel cappottamento di sabato.
La griglia di partenza è stata questa:

1^ fila: Eng - Wehrlein
2^ fila: Paffett - Wittmann
3^ fila: Rockenfeller - Mortara
4^ fila: Ericsson - Auer
5^ fila: Juncadella - Glock
6^ fila: Spengler - Farfus
7^ fila: Muller - Frijns
8^ fila: Di Resta - Green
9^ fila: Duval...

La gara è stata decisamente più tranquilla di quella di sabato, come diversivo solo qualche piccolo contatto nelle retrovie.
Eng e Werly sono rimasti in testa davanti a tutti per qualche minuto, almeno finché Eng non ha stretto Werly e Paffett ne ha approfittato per superare tutti e portarsi in testa, dove si trovava ancora mentre la gara si apprestava a terminare.
Ha vinto, davanti a Wittmann e a una nostra vecchia conoscenza... sul podio si sono scatenati tutti parecchio con il carburante.

RISULTATO: 1. Gary Paffett (Mercedes), 2. Marco Wittmann (BMW), 3. Pascal Wehrlein (Mercedes), 4. Paul Di Resta (Mercedes), 5. Timo Glock (BMW), 6. Jamie Green (Audi), 7. Philipp Eng (BMW), 8. Mike Rockenfeller (Audi), 9. Joel Eriksson (BMW), 10. Robin Frijns (Audi), 11. Edoardo Mortara (Mercedes), 12. Daniel Juncadella (Mercedes), 13. Loic Duval (Audi), 14. Lucas Auer (Mercedes), 15. Bruno Spengler (BMW), 16. Augusto Farfus (BMW), 17. Nico Muller (Audi).

In testa alla classifica c'è Timo Glock, con 72 punti, uno in più di Gary Paffett. Pasqualino è terzo, ma piuttosto distaccato, con appena 39 punti.

Nessun commento:

Posta un commento