martedì 29 maggio 2018

Commento al Gran Premio di Montecarlo

La SoVrApPoSiZiOn3 MoNaCo/iNdY formato Monaco /// 27 Maggio 2018

Qualche tempo fa una mia lettrice di Wattpad (E., parlo di te XD), mi chiese come avrei fatto quando fosse giunto il momento di ricapitolare la storia del Gran Premio di Montecarlo che, effettivamente, sarebbe un po' difficile approfondire nel corso di un commento a un gran premio, a meno di non scrivere un commento di venti pagine, di cui diciotto dedicate alla storia. No problem, a tutto c'è una soluzione e la mia soluzione è quella di limitarmi ad elencare alcuno fatti salienti che mi sono rimasti impressi, quelli più antichi chiaramente non dall'epoca, quelli più recenti sì.
1984: Senna ottenne il suo primo podio al volante di una Toleman, classificandosi in seconda posizione. Tra le sue foto di quel giorno ne viene spesso inserita anche una della Toleman di Cecotto vista da dietro, nella quale si intravede il casco rosso di Cecotto. Sul podio c'era anche un altro outsider, ovvero Bellof in terza posizione, ma successivamente perse quel risultato quando la Tyrrell fu squalificata dall'intero campionato per irregolarità commesse in altri gran premi. Se è possibile essere affranti per qualcosa che è accaduto quattro anni prima della mia nascita, allora posso dire di esserne affranta.
1988: Senna era in testa alla gara con un vantaggio abissale quando fu costretto al ritiro da un incidente. Questo episodio è stato narrato in lungo e in largo dalle telecronache di Mazzoni nel corso degli anni, così come il fatto che Senna vinse l'edizione del 1987 e poi cinque consecutive dal 1989 in poi, con un record di sei vittorie.
1992: il gran premio fu reso celebre da un duello per la vittoria tra Senna e Mansell, che nell'immaginario collettivo durò per tutta la gara, mentre nella realtà durò soltanto per i giri finali; l'evento più memorabile di Monaco 1992, tuttavia, la presenza dell'Andrea Moda di Roberto Moreno sulla griglia di partenza, il team più pittorescamente trash degli anni '90, infatti, in quell'unica occasione riuscì a superare con una vettura sia le prequalifiche sia le qualifiche e, in seguito, Moreno avrebbe affermato che il momento più altolocato della sua carriera in Formula 1 era per lui l'essersi qualificato su una carretta del genere e non essere salito sul podio quando correva per la Benetton.
1994: Schumacher ottenne pole, vittoria, giro veloce e gara condotta in testa dall'inizio alla fine, ovvero il suo primo grand chelem in carriera.
1995: durante una sessione di prove libere, Taki Inoue fu protagonista del primo dei suoi due bizzarri incidenti con la safety car; stavolta infatti era rimasto fermo sul tracciato mentre la safety car (non mi è chiaro perché) stava percorrendo un giro dimostrativo. Inoue si era già slacciato le cinture, ma non era ancora sceso dalla monoposto, quando fu colpito dalla safety car. Non esistono video dell'incidente, ma le cronache narrano che l'impatto fu sufficiente a far ribaltare la vettura e a procurargli un trauma cranico. Taki si sarebbe ripreso brillantemente facendosi investire dalla safety car alcuni mesi più tardi, per poi raggiungere l'apice della sua carriera a Monza, quando sarebbe stato accusato di avere provocato un incidente tra Schumacher e Hill, i due piloti che lottavano per il mondiale e in quel momento per la prima posizione in gara.
1996: Coulthard disputò la gara indossando un casco di proprietà di MSC in quanto quelli di cui disponeva si appannavano tutti a causa delle condizioni meteo avverse. In gara ci fu un attrition rate elevatissimo, con appena quattro vetture ancora in gara nel finale e una di queste costretta al rientro ai box all'ultimo giro, e Panis ottenne la sua unica vittoria in carriera al volante di una Ligier.
2001: nelle retrovie, Coulthard trascorse numerosi giri alle spalle del backmarker Bernoldi al volante di una Arrows.
2004: nel gran premio in cui Trulli ottenne l'unica vittoria in F1 accadde un curioso incidente che coinvolse MSC e Montoya, MSC infatti andò a sbattere sotto al tunnel mentre la gara era neutralizzata dalla safety car, cogliendo di sorpresa Montoya che lo seguiva e che gli andò addosso (dopo che MSC aveva già sbattuto - per intenderci, non è che in due fecero una cappellata sola, ma ne fecero una ciascuno).
2006: Barrichello disputò la gara indossando un casco con i colori di quello di Kanaan, mentre Kanaan disputava la Indy 500 indossando un casco dei colori di quello di Barrichello. Aaaaaaawwwwww! <3 Giusto per la cronaca, tuttavia, ci tengo a precisare che li shippo come fratelli o qualcosa del genere, perché l'ammmmmore di Kanaan è Castroneves e su questo non ci sono dubbi! :-P
2009: Button vinse la gara, ma per ragioni mai chiarite parcheggiò dalla parte opposta rispetto al parc fermé e si fece qualcosa come oltre un chilometro di corsa per raggiungere il podio...
...
...
...che poi, a Montecarlo non c'è mai stato il podio, la premiazione è sempre avvenuta in modo abbastanza disorganizzato.
2012: Button, al volante di una McLaren, che in quell'anno aveva vinto delle gare e sulla quale lui stesso aveva vinto delle gare, trascorse gran parte del tempo in lotta con la Caterham di Kovalainen, rimanendogli dietro, con il quale ebbe due diverse collisioni, nel corso della gara, durante tentativi di attacco.
2013: una tortora sopravvisse a un contatto con la vettura di Nasr durante una sessione di prove libere di GP2, mentre un'altra tortora (anche se il mio sogno nel cassetto è scoprire che era sempre la stessa) sopravvisse a un contatto con la vettura di Rosberg durante il gran premio. Nello stesso anno Chilton spedì Maldonado a schiantarsi contro le barriere e provocò una bandiera rossa.
2014: Milly Sunshine vomitò arcobaleni, perché mentre davanti stavano facendo di tutto per farsi notare (ci fu il primo vero e proprio lancio di piatti tra i Rosbilton) l'eroe incontrastato del weekend fu Bianchi che ottenne punti su una Marussia, dopo avere fatto un sorpasso orgasmico su Kobayashi, che subito etichettai come il più bel sorpasso che avessi mai visto, cosa di cui sono convinta tuttora.
2002-2016: nessuna vittoria Ferrari, striscia negativa che fu interrotta nel 2017, anno in cui, per la prima volta, a Monaco si è visto un vero podio.
2002-2017: numerose verniciature di muretto della Sainte-Devote effettuate da Massa, striscia che il ritiro di Massa ha interrotto (ma nel 2019 correrà in Formula E e ci sarà l'eprix di Montecarlo).
Per l'approfondimento della storia delle prime 75 edizioni del GP di Monaco, non mi resta che riepilogare le vittorie ottenute da ciascun pilota:
6 VITTORIE - Ayrton Senna (1987, 1989, 1990, 1991, 1992, 1993)
5 VITTORIE - Graham Hill (1963, 1964, 1965, 1968, 1969)
5 VITTORIE - Michael Schumacher (1994, 1995, 1997, 1999, 2001)
4 VITTORIE - Alain Prost (1984, 1985, 1986, 1988)
3 VITTORIE - Stirling Moss (1956, 1960, 1961)
3 VITTORIE - Jackie Stewart (1966, 1971, 1973)
3 VITTORIE - Nico Rosberg (2013, 2014, 2015)
2 VITTORIE - Juan Manuel Fangio (1950, 1957)
2 VITTORIE - Maurice Trintignant (1955, 1958)
2 VITTORIE - Niki Lauda (1975, 1976)
2 VITTORIE - Jody Scheckter (1977, 1979)
2 VITTORIE - David Coulthard (2000, 2002)
2 VITTORIE - Fernando Alonso (2006, 2007)
2 VITTORIE - Mark Webber (2010, 2017)
2 VITTORIE - Lewis Hamilton (2008, 2016)
2 VITTORIE - Sebastian Vettel (2011, 2017)
1 VITTORIA: Jack Brabham (1959), Bruce McLaren (1962), Denny Hulme (1967), Jochen Rindt (1970), Jean-Pierre Beltoise (1972), Ronnie Peterson (1974), Patrick Depailler (1978), Carlos Reutemann (1980), Gilles Villeneuve (1981), Riccardo Patrese (1982), Keke Rosberg (1983), Olivier Panis (1996), Mika Hakkinen (1998), Juan Pablo Montoya (2003), Jarno Trulli (2004), Kimi Raikkonen (2005), Jenson Button (2009)
1 vittoria nell'epoca pre-F1 o gare non incluse nel campionato di F1: William Grover-Williams (1929), René Dreyfus (1930), Louis Chiron (1931), Tazio Nuvolari (1932), Achille Varzi (1933), Guy Moll (1934), Luigi Fagioli (1935), Rudolf Caracciola (1936), Manred Von Brauchitsch (1937), Giuseppe Farina (1948), Vittorio Marzotto (1952).

EVENTI DI CONTORNO: nelle due settimane che hanno separato Barcellona e Montecarlo si è svolto il Gala Amfar a Cannes, un evento a cui a quanto pare partecipano dei vip vestiti in modo molto elegante o, nel caso di una nostra vecchia conoscenza, in modo molto tamarro. Il Gangster Rapper si è presentato all'evento indossando un cappello old style, occhiali da vista simili a quelli di Harry Potter, camicia bianca a mezze maniche e pantaloni a righe bianche e nere con gilet in tinta.
All'interno della stessa foto c'erano anche il suo best friend forever Leo 2.0 e la moglie di quest'ultimo. Le tumblrere sono state molto soddisfatte di trovare questa foto, perché la maggior parte di loro non sono convinte che Bo77as sia figo abbastanza per diventare il nuovo ammmmore del fescion model. Allo stesso evento c'era anche Carmen Jordà, ma non andiamo off-topic, che stavo parlando di piloti...
Purtroppo il Gangster Rapper non è stato invitato da Leo 2.0 a diventare co-protagonista di un vlog, ma in questi giorni pare che Leo 2.0 avesse poco tempo per fare dei vlog, dato che martedì ha preso parte alla partita della Nazionale Piloti contro la squadra del principe di Monaco, alternandosi nelle due squadre (WTF?!), il che ha comunque il suo senso, perché nel suo DNA si fonde la sua identità di pilota con quella di principe. Intanto circolavano dei rumors sui social secondo cui a quella partita sarebbero stati presenti anche i Raikkonettel che, in realtà, non c'erano. Vista l'assenza di Iceman, che è il goleador d'eccezione delle partite a cui prendono parte i piloti, la Nazionale Piloti ha perso.
Due giorni più tardi, per non farsi mancare niente, Leo 2.0 è sceso in pista per un evento di contorno del GP di Monaco insieme a suo padre. Quest'ultimo guidava la propria monoposto del 1982 e obiettivamente parlando non ho la più pallida idea di come abbia fatto a infilarsi dentro l'abitacolo, dato che negli anni '80 era decisamente più magro di adesso.
Altri eventi di contorno non ne ricordo: la maggior parte riguardavano tutti la Indy 500. Io, come personale evento di contorno, mi sono messa a rileggere "Io Uccido" di Giorgio Faletti. All'inizio è ambientato a Montecarlo nei giorni successivi al gran premio.

IT'S THURSDAY, BITCHES: a Montecarlo le prove libere si svolgono il giovedì, come vuole la tradizione, perché al venerdì a Montecarlo le vetture non scendono in pista. O meglio, vanno in pista quelle di Formula 2 alle 11.30 di mattina, per onorare il fatto che a Monaco hanno tutti i big money, quindi la gente può permettersi di guardare la gara di venerdì, non avendo bisogno di andare a lavorare. L'avessero fatta alle 9.30 invee che alle 11.30 l'avrei potuta guardare anch'io, ma questi sono dettagli.
La prima sessione di prove libere è stata accennata a grandi linee al notiziario delle 15.00 alla radio, si è parlato delle Redbull che andavano più forte di tutti, di Gangster Hammi terzo e delle Ferrari in quarta e quinta posizione. Sesto, davanti a Bo77as, c'era Carlito Fanboyz, ma questo l'ho scoperto più avanti, alla sera, andando a verificare il risultato completo. Dani-Smile e Verstappino si sono ripetuti nelle libere del pomeriggio, i Vettelton si sono invertiti di posizione e a seguire c'erano i Finnish Bros, con Bo77as entrato finalmente in top-6. A quel punto non restava altro da fare che attendere l'arrivo del sabato...
...
...
...in cui c'è stata un'altra doppietta Redbull in prima e seconda posizione nella terza sessione di libere. Dietro c'erano le Ferrari e le Mercedes, ma era meglio essere dietro con una vettura intatta che secondi con una vettura fatta a pezzi. Autore della performance era Verstappino, che era da quasi un mese che non ne combinava una veramente grossa, quindi doveva subito correre ai ripari. Se non altro in qualifica non ha potuto esibirsi in ulteriori perle, dato che la vettura non era pronta per appoggiarvi sopra il fondoschiena.

IT'S SATURDAY, BITCHES: alle 15.00 stavo aiutando mia mamma a cucinare la cena, il che una volta avrebbe significato dovermi perdere una sessione di qualifiche per il semplice fatto che non veniva trasmessa in TV. Un tempo, però, l'avrei potuta guardare su Raiuno, mentre negli ultimi giorni TV8 è sparito dal televisore in soggiorno e, come da tradizione, si vede solo a tratti sul televisore in cucina. E poi i miei quasi trent'anni mi hanno resa più smart di un tempo.
"Non ti scoccia, vero, se porto il computer in cucina e cerco un canale su cui vedere le qualifiche? Tanto l'ho caricato ieri sera e dovrebbe reggere tranquillamente per un'ora."
"No, non c'è problema."
Tunz-tunz-tunz, si guardano le qualifiche cucinando, come succedeva ai vecchi tempi. <3
Il primo sito che ho provato non funzionava.
Il secondo trasmetteva un video in cui si vedeva il duello tra Senna e Mansell del 1992, di cui ho parlato all'inizio di questo commento. Erano le 14.50 e ho pensato che fosse normale. Poi si avvicinavano le 15.00 e mi sono resa conto che no, c'era qualcosa che non andava, e che quel canale era in differita di brutto.
Il terzo sito che ho provato funzionava alla grande, l'immagine era anche molto più nitida di quanto mi sia successo di recente sugli altri siti di streaming. #EpicWin.
La Q1 è stata tranquilla e indolore, anche se Kmag probabilmente l'ha interpretata in diversa maniera. Il Pokemon è passato oltre, idem per Leclerc. *-* Leclerc, Leclerc, Leclerc, quel ragazzo vuole davvero farmi commuovere. Ha fatto un bel balletto alla Sainte-Devote, senza colpire niente. Croft e Brundle si sono messi a parlare di Massa. È meraviglioso potere paragonare Leclerc a Massa: è stato l'unico pilota Sauber promosso in Ferrari in questo secolo e spero che la storia si ripeta.
La Q2 è stata tranquilla e indolore, con le Mercedes che sono state nelle retrovie per buona parte del tempo, prima di fare il loro exploit finale per raggiungere la top-5, ma senza mai dare segno di potersi avvicinare alla vetta. Per i poteri gufatori nei confronti del suo ex team #RosbergIsTheNewWebber, o almeno l'impressione è questa. Deve avere imparato bene dal maestro, quando erano compagni di squadra millemila anni fa. Parlando di cose serie, Leclerc ha abbandonato le qualifiche, il Pokemon no. Solo uno dei Vandonso ha avuto accesso alla top-10 e, mentre l'altro andava a dormire in un van.
In Q3 Dani-Smile ha confermato di essere il più veloce in classifica, con i Vettelton e i Raikkottas a completare a top-5. Dietro sopraggiungevano gli altri cinque un po' sparsi, con il Pokemon purtroppo in ultima piazza.
Il risultato è stato il seguente: RIC VET HAM RAI BOT OKI ALO SAI PER GAS / Fuori in Q2 HUL VAN SIR LEC GRO / Fuori in Q1 HAT ERI STR MAG VES. Per RoGro erano in arrivo tre posizioni di penalità per il caos dell'altra volta. Oserei dire che, visti i danni che ha prodotto, gli è andata di lusso, così come gli è andata di lusso che il suo setto nasale non abbia cambiato forma nel frattempo.
Dopo le qualifiche non era charo che fine avesse fatto Sebby: per le interviste con il Mascellone si sono presentati solo i Riccilton. Vista la presenza di Dani-Smile, stavolta era Gangster Hammi quello al quale sono state fatte delle domande serie.

TROLL-SATURDAY: dopo l'intervista, probabilmente le cose sono andate così:
Gangster Rapper: "Dov'è Sebby? Per caso è scappato disperato, perché ha scoperto che qualche giorno fa ho passato una notte di fuoco con Leo 2.0?"
Dani-Smile: "Davvero???222???222?? E cos'avete fatto durante la vostra notte di fuoco?"
Gangster Rapper: "Abbiamo scritto una fanfic su Niki Lauda."
Dani-Smile: "BeLiXiMo KoNtInUa!!!11!!!1"
Gangster Rapper: "Continueremo soltanto dopo avere ricevuto tanti like. L'abbiamo postata su Trashpad con un account che abbiamo denominato 'Rio Haryanto' nel tentativo di farci votare dagli smapbot indonesiani."
Sebby: "Non vi voteranno mai."
Gangster Rapper: "Dov'eri finito?"
Sebby: "Stavo spingendo la mia vettura perché l'avevo parcheggiata nel posto sbagliato."
Gangster Rapper: "K0M3 TY Xm3tTy???2222??? Sei spagnolo, da metterti a spingere la tua vettura? E il motore della tua vettura per caso è giapponese???222???22?"
Sebby: "No, il motore della mia vettura non ha bombardato Pearl Harbor a Indianapolis nel giorno del Memorial Weekend."
Gangster Rapper: "Basta con queste citazioni colte sulla Indycar, questo è il Commento al Gran Premio di Montecarlo."
Sebby: "Ma presto verrà anche il Commento alla 500 Miglia di Indianapolis, quindi le citazioni colte avranno il loro spazio."
Gangster Rapper: "Vorrei essere l'ombrellino di Danica Patrick."
Leo 2.0: "Orrorehhhhhh! Non puoi tradire la nostra Susina!"
Gangster Rapper: "Hai ragione sulla nostra Susina, ma adesso levati di torno, che porti più sfortuna del gatto nero che attraversa la strada di Webbiiii."
Leo 2.0: "Quel bullo mi ha rubato tanti ciucci quando eravamo compagni di squadra."
Gangster Rapper: "Ferniiii ha fatto la stessa cosa con me, è proprio vero che chi si somiglia si piglia."
Leo 2.0: "Smettila di fare la fungirl dei Webbonso. Nessuno di loro ha gli occhi azzurri. E io in questo momento sto andando in giro a braccetto con Kubiiii, mentre tu te ne stai lì da solo."
Gangster Rapper: "Tanto sono più figo io di Kubiiii e so benissimo che ami me."
Leo 2.0: "Aaaaaawwwwww."
Sebby: "Oh my Dani-Smile, siete BeLiXiMy InZiEmE!!111!11!!!!1!! Ho deciso, da questo momento in poi siete la mia OTP e vi shipperò dalla mattina alla sera, allo stesso modo in cui Verstappino shippa se stesso con i muretti."
Gangster Rapper: "TUNZ TUNZ TUNZ!!111!!11"
Leo 2.0: "Sono io che ti faccio questo effetto? Senza offesa, capisco che la mia figaggine sia smisurata, ma dovresti eccitarti molto di più nel vedere Verstappino che crasha. Ora scusate, ma devo andare a puntualizzare ai microfoni di Sky Uk che Verstappino ne ha combinata un'altra delle sue. Con tutte le volte che me lo sono ritrovato sulla mia strada, ho sempre desiderato che arrivasse questo momento."
Sebby: "Finalmente siamo rimasti soli, mio dolcissimo Prosciuttello Gangster. Che cosa ne dici se, per vendicarci della pole ottenuta da Dani-Smile, ci consoliamo l'uno con l'altro mangiando prosciutto e melone?"
Gangster Rapper: "Prima il dovere dell'alimentazione. Voglio farti una proposta folle e aaaaawwwww."
Sebby: "Organizzare un incontro sulla denuclearizzazione tra Bernie Ecclestone e il presidente di Liberty Media a Singapore, nella speranza che rimangano intossicati?"
Gangster Rapper: "No, scrivere una trash-ficcyna insieme. *-* Ho tante idee molto trash."
RoGro: "Anch'io ho delle idee trash, dato che con la mia penalità partirò esattamente dietro al Pollo Gigante."
Sonyericsson: "Noooooooohhhhhh, Kmag, ti prego, salvami tu."
Kmag: "Va bene, ma solo se mi prometti di non lasciarmi il segno dei tuoi denti storti sul DRS."
Voce fuori campo: "Okay, va bene, linea alla regia prima che diventi tutto troppo trash."

IT'S SUNDAY, BITCHES: ho provato molta ansia e il fatto che la partenza fosse alle 15.10 mi metteva ancora più ansia.
Finalmente le 15.10 sono arrivate e non mi restava che sperare che il Piccolo Chilli non buttasse Pastorone contro le barriere, per evitare bandiere rosse che prolungassero le cose facendo SoVrApPoSiZiOnE con la Indy 500 e con il rifornimento di metano che dovevo andare a fare dopo Monaco e prima di Indy, ma né il Piccolo Chilli né Pastorone erano presenti.
La partenza, nel frattempo, p stata tranquilla, solo una sportellata tra Strollino e Brendon Bitch, con danni contenuti, e RoGro che via radio si lamentava che Kmag aveva tentato di buttarlo fuori.
Kmag: "Tu ne sai qualcosa, vero?"
RoGro: "Taci, usurpatore! Non lo sai che sulla macchina dove stai ora doveva sedersi Giuseppe Nuovo Giardino, uno dei pochi campioni di Indycar che meritano un volante in Formula 1 perché sono americani e non neozelandesi, australiani o francesi?"
Kmag: "Potresti lasciare tu il volante a Giuseppe Nuovo Giardino."
Nuovo Giardino: "Non posso venire a guidare la Haas. Nel Memorial Weekend noi americani possiamo girare solo in oale e in senso antiorario."
RoGro: "Anch'io, se volessi, potrei farlo senza avere bisogno di venire a Indy."
Nel frattempo, superata indenne la prima curva, Croft e Brundle parlavano del potenziale undercut nei confronti della Redbull che i suoi inseguitori avrebbero potuto tentare di mettere in opera. Era il primo giro, la gara era probabilmente su una sola sosta, e già si parlava di undercut. Poi è arrivato Sirotkin, eroe delle folle: accusato di avere hackerato la partenza perché le ruote non sono state montate entro i tre minuti dal segnale, è stato penalizzato con uno stop and go. Sbaglio o qualcosa del genere successe anche a Iceman nel 2008?
Voce fuori campo: "Quindi, per la legge dei grandi numeri, Kubica andrà sul podio, rendendo un Pole Day anche la domenica."
In Williams sembrava che le cose non potessero andare peggio, ma in realtà c'erano delle ulteriori novità: Strollino, infatti, al 10° giro ha forato dopo un contatto con Ericsson(?), ritrovandosi ultimo e doppiato, mentre poco dopo Sirotkin è stato messo sotto investigazione perché i suoi meccanici avevano hackerato lo stop and go intervenendo sulla su vettura durante i secondi della sosta.
Poi Gangster Hammi è rientrato ai box per passare dalle hypersoft alle ultrasoft: era il 12°, ne mancavano 66 al finale e ho iniziato a nutrire seri dubbi sul fatto che la strategia fosse a una sosta sola. Nei giri successivi il resto della top-5 è rientrato in branco, senza che venisse attuato nessun undercut. Chi ci ha rimesso è stato Bo77as, che si è ritrovato dietro ai best of the rest (Ocon e Alonso) allontanandosi ulteriormente dalla vetta. Nel frattempo mi stavo arrangiando con la concorrenza spagnola, dato che lo streaming sul quale avevo iniziato a seguire la gara non funzionava più. Poi ho trovato un altro sito con un canale britannico: non c'era nessun banner fisso in alto a sinistra, in corrispondenza del numero dei giri. Era il 24° e Brendon Bitch era appena stato penalizzato per "speeding in the pitlane". Verstappino, nel frattempo, stazionava in decima piazza.
Lo streaming è saltato nuovamente poco dopo, mentre Dani-Smile si lamentava di "losing power". Il tempo di arrangiarmi in un altro modo ed ecco che Vettel era essenzialmente in zona DRS. Eravamo all'incirca al trentesimo giro. Croft e Brundle, nel frattempo, erano ancora convinti che la top-5 fosse su una sola sosta e ho iniziato a dare credito alle loro supposizioni, per poi rendermi conto che secondo loro l'unico che non si sarebbe più fermato era Bo77as, in quanto su gomme supersoft e non sulle ultrasoft.
Poi non ho capito che cosa sia successo esattamente: tutti i siti di streaming andavano malissimo, in quei frangenti, quindi ho dovuto andarne a scoprire uno nuovo. Mi sono accertata che le posizioni della top-5 fossero ancora tali e quali, e lo erano. Mi sono accertata che le Williams fossero ancora ultime e, guess what, lo erano. Verstappino, nel frattempo, si lamentava via radio che le sue gomme erano ormai andate: non si era ancora fermato.
Ferniiii: "Ma quindi niente più problemi di loss of power per Dani-Smile?"
Dani-Smile: "No, non sono te. E poi non dovresti intervenire in questo commento, non stai facendo nulla di particolare, quest'anno. Avresti dovuto andare a Indianapolis, se volevi essere la star del GP di Montecarlo!"
Werly: "No, per cortesia, Ferniiii, non andartene mai più e non osare lasciarmi tra le mani di Jensinho!"
Jensinho: "Ma corri nel DTM, adesso."
Werly: "Ovunque io sia, non sarò mai lontano abbastanza da te."
Poi al 53° giro Ferniiii si è fermato alla Sainte Devote, mentre era in lotta con il Pokemon: dalla sua vettura ha iniziato a uscire del fumo.
Ferniiii: "Autrice(C), me l'hai tirata! Non potevi tirarla a Verstappino?"
Verstappino: "Perché proprio a me? Sono un bambino innocente e sto per asfaltare le Renault!!111!!1!"
Hulk: "Io, intanto, asfalto il fanboy di Ferniiii! E poi lo lascio tra le mani di Verstappino!"
Ci sono voluti un paio di giri perché succedesse. Nel frattempo Hulk, su gomme fresche, cercava di fuggire. Frattanto tra Fanboyz e Verstappino c'erano reciproche accuse di avere tagliato delle chicane. La grafica, nel replay, li ha ribattezzati "last name" e "last name".
La fuga di Hulk è durata meno di quanto lui stesso sperasse: pochi giri dopo l'abbiamo ritrovato in trenino dietro al Pokemon e davanti a Verstappino.
Il best of the rest era l'Oki. Si stava avvicinando a Bo77as e, a dieci giri dalla fine, fermarsi per una nuova sosta significava uscire dai box dietro di lui, che non doveva fermarsi più. Quindi non solo per Bo77as, ma anche per gli altri, l'obiettivo sembrava essere diventato quello di terminare la gara sulle gomme che avevano.
Poi, a sei giri dalla fine, ho avuto le prove che non avrei ricevuto nessun regalo per il mio trentesimo compleanno imminente, quando ho visto Leclerc tamponare Brendon Bitch mentre erano in lotta per l'11^ posizione. C'è stata una virtual safety car, davanti nessuno si è fermato, quindi non potevo nemmeno consolarmi con un podio composto da Ocon, Gasly e Hulkenberg, e l'unico che si è fermato ai box è stato Stoffy che dorme in un van. Tornato in pista doppiato, si è installato tra Dani-Smile e Sebby, con quest'ultimo che ha perso definitivamente terreno arrivando a ruote bloccate al terzultimo giro.
Voce fuori campo: "Adesso puoi rallentare, il Gangster Rapper sta cercando di scapare via dai Finnish Bros."
Gangster Rapper: "Certo, ci sono due finlandesi assetati di vodka, tanto vale sperare che sia qualcuno di loro a bere dalle scarpe di Dani-Smile!"
Il Mascellone: "Io, invece, non corro rischi, dato che l'intervista del podio si svolgerà sotto al podio."
Sebby: "E io sarò premiato dalla Principessa Charlene. Posso dire che la trovo più affascinante degli uomini che premieranno l'altra gente presente o è un commento sessista?"
Gangster Rapper: "Posso dire che levarsi le scarpe al cospetto di una signora è poco elegante, o è sessista anche quello?"
Sebby: "No, non è sessista, è l'unica speranza che abbiamo di salvarci dalla scarpa di Dani-Smile."
Per il secondo anno consecutivo c'era il podio. Sono stati consegnati i trofei per prima cosa perché Montecarlo rimane pur sempre Montecarlo. Il Gangster Rapper ha portato la bottiglia alla bocca, a quel punto, ma ha dovuto desistere, perché dovevano iniziare gli inni nazionali. Poi tutto si è concluso senza che l'untore ufficiale del paddock tentasse di spargere bacilli in giro per il podio.
A quel punto è partito il #RaceRecap, perché #MurricaRules.
E poi il plot-twist: quando è finito il Race Recap, c'era Dani-Smile che portava una scarpa alla bocca, quindi non avremmo mai scoperto che cosa fosse successo in quei momenti (in realtà sì, si vedono delle scene inedite nel vlog di Rosberg, ma ci arriviamo nel prossimo paragrafo).
Poi sono andata a fare metano.
Quando sono tornata a casa erano più o meno le 18.00 italie, le 12.00 ora di Indianapolis. Mi aspettavano un tardo pomeriggio e una prima serata piuttosto ricchi di delusione, che racconterò a breve nell'apposito commento.

IT'S BRITNEY, BITCH: come da tradizione Leo 2.0 ha fatto un vlog sul gran premio di Monaco, strutturato nella seguente maniera. 1) Giro su un elicottero insieme a uno youtuber, nel quale lo youtuber gli indica il proprio yacht, 2) pronostico sulla pole position di Verstappino fatto al sabato mattina, 3) incidente di Verstappino e inquadrature di Herbert e di Di Resta, 4) Leo 2.0 inquadra la propria ex scuola affacciata sul circuito dalle finestre della quale ai tempi della scuola osservava i meccanici lavorare, 5) un gabbiano svolazza nel cielo monegasco (in seguito più avanti se ne vedrà anche un altro, quindi entrambi i Vettelton hanno fatto la loro apparizione in forma di pennuto), 6) inquadratura di Prost, ma non propriamente di profilo, 7) breve scena di un'intervista di Leo 2.0 agli Alonsainz e inquadratura del Pokemon, 8) Leo 2.0 e la sua consorte ballano a un party, 9) brevi inquadrature di RoGro e Massa, 10) Vettel gironzola e Dani-Smile fa lo stesso prima della gara, 11) inquadratura random di Lauda, 12) sul podio il Gangster Rapper tiene in mano qualcosa di non identificabile che non sembra uno smartphone rivolto verso Dani-Smile mentre beve dalla scarpa e dall'altro lato c'è Sebby che guarda la scena, 13) inquadrature random di Leclerc e del Gangster Rapper, 14) Dani-Smile festeggia tuffandosi in piscina, 15) finale con il botto, dato che Leo 2.0 tiene in mano una rosa rossa che racconta essergli stata regalata da una donna messicana.

RISULTATO: 1. Daniel Ricciardo (Redbull), 2. Sebastian Vettel (Ferrari), 3. Lewis Hamilton (Mercedes), 4. Kimi Raikkonen (Ferrari), 5. Valtteri Bottas (Mercedes), 6. Esteban Ocon (Force India), 7. Pierre Gasly (Toro Rosso), 8. Nico Hulkenberg (Renault), 9. Max Verstappen (Redbull), 10. Carlos Sainz (Renault), 11. Marcus Ericsson (Sauber), 12. Sergio Perez (Force India), 13. Kevin Magnussen (Haas), 14. Stoffel Vandoorne (McLaren), 15. Romain Grosjean (Haas), 16. Sergey Sirotkin (Williams), 17. Lance Stroll (Williams), Rit. Brendon Hartley (Toro Rosso), Rit. Charles Leclerc (Sauber), Rit. Fernando Alonso (McLaren).

Nessun commento:

Posta un commento