sabato 17 marzo 2018

Gli old gold days in cui il mondiale, a metà marzo, era iniziato già da un po'

Immagine di proprietà di motorsport.com
Non sono certa che fossero veri e propri old gold days, perché la stagione terminava in ottobre invece che alla fine di novembre, ma si sa che per esigenze sceniche in un titolo si può scrivere qualunque cosa. Non si può però scrivere "gli old gold days in cui JPM non era ancora lievitato", se no poi c'è un'insurrezione popolare che parla di body-shaming e di fat-phobia, nonostante la vera ragione per cui si parla della corporatura di Montoya non sia sbeffeggiare le persone che ne condividono la stessa corporatura, ma appunto evidenziare che le persone che ne condividono la corporatura spesso non sono sportivi d'alto livello. Ad ogni modo il 17 Marzo di sedici anni fa Juan Pablo Montoya fu il primo pilota ad aggiudicarsi un drive through in Formula 1. Il motivo: cozzò contro Michael Schumacher che poi fu il primo a dire che la penalità era eccessiva.
Ralf Schumacher ne approfittò per andare a vincere il gran premio e, dato che apparentemente in Formula 1 all'epoca non c'era nessuno a parte loro, gli Schumontoya superarono le loro peripezie indenni abbastanza da salire sul podio, JPM secondo e MSC terzo.
Fu una delle due occasioni in cui la Ferrari non vinse in quella stagione, l'altra fu Monaco, dove la Ferrari non vince dal 2001 (sì, lo so che Vettel ha vinto l'anno scorso, ma fingere che non fosse accaduto doveva servire per generare suspense). Di due occasioni, la Williams ne colse una per centrare una doppietta.
So che all'epoca ero nel pieno di una lunga fase della mia esistenza in cui non odiavo la Williams al pari della McLaren, ma in cui ero profondamente irritata per il fatto che la Williams fosse presente, ma credo che, sedici anni dopo, una doppietta Williams meriti di essere festeggiata. *-*

Nessun commento:

Posta un commento